Tutela legale – avvocato di strada

avvocato di strada

L’Associazione Gruppo Articolo 32, situata presso la Cittadella della Solidarietà, ha fra i suoi obiettivi principali quello di promuovere attività di assistenza legale gratuita alle persone senza fissa dimora, sia in sede giudiziaria che in ambito stragiudiziale.

Svolge tale servizio grazie ad uno sportello presente sul territorio cremonese, “Sportello Avvocato di strada”, in cui le attività vengono disciplinate da un apposito regolamento. L’attività dello Sportello Avvocato di strada si esplica principalmente attraverso il ricevimento e l’assistenza delle persone senza dimora, ovvero quei soggetti che vivono in strada, in stazione, nei dormitori, in sistemazioni di fortuna, negli alloggi protetti, nelle strutture di accoglienza, durature o temporanee, e le vittime della tratta.

La tutela legale viene prestata presso un ufficio, il cosiddetto “sportello” organizzato come un vero e proprio studio legale nell’accoglienza, nella consulenza e nell’apertura delle pratiche. L’avvocato presente all’attività dello sportello fornisce gratuitamente consulenza e assistenza legale ai cittadini privi di dimora, oltre a volontari che si occupano della segreteria e della conduzione dell’ufficio. Il progetto “Avvocato di strada”, realizzato per la prima volta nell’ambito dell’Associazione Amici di Piazza Grande, nasce a Bologna alla fine del 2000.

La prima emergenza che ha prodotto la nascita dell’associazione sono i problemi collegati alla residenza anagrafica, infatti chi vive a lungo in strada finisce per perdere la residenza, perché esce dallo stato di famiglia o perché viene cancellato dalle liste compilate dall’anagrafe aggiornate costantemente. I diritti legati alla residenza che si perdono con essa sono molti, infatti chi non ha la residenza non può votare, non può aprire una partita IVA, non può lavorare, non può avere una casa popolare e non ha diritto ad avere accesso al Servizio Sanitario Nazionale, se non per le cure di pronto soccorso.

L’esperienza nasce dunque dalla necessità, sentita da più parti, di poter garantire un apporto giuridico qualificato a quei cittadini oggettivamente privati dei loro diritti fondamentali. Oltre alla realtà cremonese, sul territorio Italiano gli Avvocati di Strada sono attivi in 40 città con un pool di oltre 700 legali volontari, che da 18 anni difendono e tutelano gratuitamente le persone che vivono sulla strada.

Gli sportelli legali di Avvocato di strada sono legati dall’Associazione Nazionale, nata nel febbraio 2007 per cercare di favorire una crescita comune delle esperienze, condividere un’idea comune sugli obiettivi e le modalità di intervento del Progetto Avvocato di strada, riflettere sulle caratteristiche e sui cambiamenti del contesto sociale, favorire lo scambio di informazioni tra gli operatori di territori diversi per migliorarne le competenze e renderle più specifiche ed adatte alle diverse realtà.

Nel gennaio 2008 Avvocato di strada ha siglato un protocollo d’intesa con l’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica UNAR istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità. In virtù di tale accordo l’UNAR potrà indirizzare le persone senza fissa dimora che si ritengano vittima di discriminazioni razziali presso gli sportelli di Avvocato di strada, che offrirà il proprio contributo alla lotta quotidiana contro ogni forma di discriminazione.

L’Associazione Articolo 32, grazie allo Sportello Avvocato di strada, si propone di consentire un effettivo accesso alla giustizia agli emarginati, garantendo un’assistenza legale alle persone private dei loro diritti fondamentali,

“Perché, senza tetto non significa senza diritti”.

Lo sportello “Avvocato di strada” di Cremona è coordinato dall’avvocato Gianluca Monti.

Siti di riferimento:

http://www.avvocatodistrada.it/

Statuto

assistenza medica immigrati

Gruppo articolo 32 Onlus offre dal febbraio 2010 un servizio socio-sanitario senza fini di lucro, garantendo cure ambulatoriali essenziali a coloro che vedono precluso questo diritto in quanto non riconosciuti dal Servizio Sanitario Nazionale, senza distinzione di nazionalità, sesso, religione, ideologia e ceto sociale. A tal fine Gruppo Articolo 32 ha attivato fin dai primi mesi della propria esistenza un servizio di assistenza medica gratuita, gli AMBULATORI ARTICOLO 32, destinato a chiunque sia sprovvisto di tessera sanitaria e/o di assistenza medica di base.

I principi ai quali Gruppo articolo 32 si ispira sono sanciti da:

Costituzione Italiana

Art. 32 – ”La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti […]”.

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo

Art. 1 – “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”.

Art. 25 – 1) “Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia, con particolare riguardo all’alimentazione, al vestiario, all’abitazione e alle cure mediche e ai servizi sociali necessari, ed ha diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o in ogni altro caso di perdita dei mezzi di sussistenza per circostanze indipendenti dalla sua volontà. 2) La maternità e l’infanzia hanno diritto a speciali cure ed assistenza. Tutti i bambini, nati nel matrimonio o fuori di esso, devono godere della stessa protezione sociale”.

Organizzazione Mondiale della Sanità

”La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non consiste soltanto nell’assenza di malattia o di infermità. Il possesso del migliore stato di salute conseguibile costituisce uno dei diritti fondamentali di ogni essere umano, qualunque siano la razza, la religione, le opinioni politiche e le condizioni economiche e sociali: la salute dei popoli è una condizione fondamentale per la pace e la sicurezza del mondo e dipende dalla collaborazione più stretta degli individui e degli Stati”.

 

Proseguendo nel proprio impegno per la difesa e garanzia dei diritti degli individui deboli, nel maggio 2012 Gruppo Articolo 32 ha inaugurato a Cremona, in collaborazione con Avvocato di Strada Onlus di Bologna, uno Sportello Avvocato di Strada. Tale servizio offre tutela legale gratuita e qualificata alle persone senza dimora.

Per i propri scopi, Gruppo articolo 32 si avvale di personale esperto e qualificato che opera gratuitamente.

La nostra associazione si propone inoltre di sensibilizzare gli enti pubblici preposti sul tema dei diritti, in particolare il diritto alla salute, e di promuovere iniziative culturali, scientifiche o formative rivolte tanto agli addetti ai lavori quanto alla cittadinanza.

About

Gruppo Articolo 32Gruppo Articolo 32 Onlus è un’organizzazione di volontariato che nasce il 27 febbraio 2010, in un appartamento del centro storico di Cremona, grazie all’iniziativa di un ristretto gruppo di persone per vari motivi entrate in contatto con il fenomeno dei flussi migratori e la realtà dei migranti presenti nella nostra città.

Ciò che fu constatato è che molte persone presenti, in alcuni casi da parecchi anni, sul nostro territorio non potevano fruire di quel preziosissimo servizio di medicina di base comunemente definito “medico di famiglia”, non vedendosi in questo modo riconosciuto il rispetto di un diritto fondamentale, quello alla salute, contrariamente a quanto stabilito dall’articolo 32 della Costituzione italiana, secondo il quale “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività e garantisce cure gratuite agli indigenti (…)”.

Grazie all’impegno e alla passione di un numero di volontari che è andato via via aumentando, Gruppo Articolo 32 contribuisce dal 2010, tramite il proprio ambulatorio gratuito di assistenza sanitaria di base, al pieno godimento del diritto alla salute delle persone indigenti che per qualsiasi motivo non siano iscritte al Servizio Sanitario Nazionale e che per questa ragione non possono fruire di tale servizio.

Proseguendo nel proprio impegno per la difesa e garanzia dei diritti degli individui deboli, nel maggio 2012 Gruppo Articolo 32 ha inaugurato a Cremona, in collaborazione con Avvocato di Strada Onlus di Bologna, uno Sportello Avvocato di Strada. Tale servizio offre tutela legale gratuita e qualificata alle persone senza dimora.

Per i propri scopi, Gruppo articolo 32 si avvale di personale esperto e qualificato che opera gratuitamente.

La nostra associazione si propone inoltre di sensibilizzare gli enti pubblici preposti sul tema dei diritti, in particolare il diritto alla salute, e di promuovere iniziative culturali, scientifiche o formative rivolte tanto agli addetti ai lavori quanto alla cittadinanza.

Le persone più che aver bisogno di aiuto o assistenza, hanno diritto ad un pieno sviluppo umano; e i diritti umani, così come le libertà fondamentali, sono parte integrante del concetto di sviluppo umano.

I soci fondatori di Gruppo Articolo 32 sono: Ilaria Cavalli, Maria Josè Compiani, Carlo Giordano, Gianluca Monti e Anna Lisa Santi.

Il Coniglio direttivo attualmente in carica è così composto:

  • Ilaria Cavalli – Presidente
  • Carlo Giordano – Vicepresidente
  • Patrizia Politi – Segretario
  • Stefano Sentati – Tesoriere
  • Vanna Bianchini – Consigliere
  • Riccardo Merli – Consigliere
  • Gianluca Monti – Consigliere
  • Daniele Regonaschi – Consigliere